Mitria vuol dire Pieve

Tornare alla Mitria è come immergersi nel proprio passato. Mitria vuol dire un grappolo di case abbarbicate alla strada e al primo pendìo. Mitria richiama le cartiere secolari a picco sul Garza, Mitria sono i fianchi ripidi e boscosi delle montagne. Ma, soprattutto, Mitria è la Pieve, l’antica Pieve adagiata nel verde, così come i nostri padri l’hanno voluta e costruita. In seguito, tutto è cresciuto a rispettosa distanza, mentre intorno, i contadini hanno continuato e continuano a coltivare pazientemente i terreni declinanti verso le acque dei torrente e, ogni anno, le viti danno ancora buon vino. A sera, i raggi dei sole, dalla piana di Nave, allungano le ombre, specie d’inverno, fino a lambire i castani secolari, in un silenzio che, ormai, solo qui trova chi lo cerca e lo sa apprezzare. Un tempo, questa striscia di terra, era un passaggio obbligato per quanti, pellegrini e viandanti, si recavano e tornavano dalla città, per i quali, visitare o solo guardare la Pieve, chiesa madre di tante piccole comunità circostanti, era dovere di buon cristiano.

La suggestione
delle stagioni
alla Pieve
(in Primavera ed in Autunno).

Associazione Amici della Pieve Onlus, tutti i diritti riservati - 2010. Webdesign: Headline